Miglioramento delle condizioni ambientali ed igieniche della comunità del campo profughi di Shufat

Tipologia di progetto:
Protezione dei rifugiati e sfollati

Capofila
Cesvi

Partner
Overseas onlus

UNRWA (United Nations Relief and Works Agency)

Obiettivo Generale
Contribuire al miglioramento delle condizioni ambientali nel campo profughi di Shufat. Migliorare il sistema di gestione dei rifiuti e le pratiche ambientali nel campo profughi di Shufat.

Beneficiari diretti
Circa 25000 abitanti di Shufat
 

Descrizione
Questo intervento è stato identificato e progettato in collaborazione con:

  1. UNRWA, agenzia ONU per i campi profughi palestinesi, per dare risposta alla necessità di rafforzare l'attuale sistema di raccolta dei rifiuti;
  2. Il Comitato Popolare del campo profughi di Shufat, ente di rappresentanza politica all’interno del campo, per dare risposta alla necessità dell'istituzione di rendere più efficace il controllo del territorio e rafforzare la legittimità dell'istituzione all’interno del campo profughi;
  3. Il Centro delle donne e il Centro Giovanile del campo profughi di Shufat, al fine di garantire il pieno coinvolgimento della comunità aumentando la coesione sociale e il senso di appartenenza ai risultati del progetto.

Il progetto è in linea con le priorità strategiche dell'Autorità palestinese, il Ministero dell'Ambiente e il Dipartimento di gestione dei rifiuti, e mira a fornire ed organizzare un sistema sostenibile per la raccolta e la gestione dei rifiuti.

Il progetto è in sinergia con altre iniziative per rafforzare la gestione dei rifiuti all'interno dei campi profughi della Cisgiordania, in una logica di condivisione delle esperienze e delle buone pratiche ad oggi acquisite da altre esperienze.

Il raggiungimento dell'obiettivo specifico implica un miglioramento misurabile della pulizia del campo, con minore accumulo di rifiuti nelle strade e nessun aumento dei costi di gestione complessiva del sistema di gestione rifiuti. Esso implica anche la sostenibilità delle iniziative di riciclaggio promosse e la corretta manutenzione di tutte le aree riabilitate, grazie agli sforzi degli stessi soggetti coinvolti. In questo modo, sul medio e lungo periodo, UNRWA dovrebbe essere in grado di mantenere i risultati tecnici mentre la comunità contribuirà a mantenere le condizioni ambientali più igieniche e sicure.

L'azione è stata progettata intorno ai bisogni percepiti e le soluzioni dei partners e delle organizzazioni locali, che hanno espresso attivamente il loro impegno per la sua attuazione. sono state osservate alcune tensioni tra le organizzazioni locali e all'interno della comunità, principalmente a causa della preoccupante situazione dei rifiuti. I metodi partecipativi e trasparenti con i quali si coinvolge la popolazione hanno l’obbiettivo di  mitigare e incanalare queste tensioni verso obiettivi comuni.

Attività trasversali:
1) fase iniziale
2) coordinamento generale, M & E, azioni di visibilità
3) Strategia d'uscita

Attività - ER1

1.1 Assistenza tecnica per la definizione di un piano strategico per lo stoccaggio dei rifiuti (SR)

1.2 Fornitura, distribuzione e installazione di macchine e attrezzature per lo SR

1.3 Formazione dei lavoratori e beneficiari sul nuovo sistema di stoccaggio dei rifiuti

1.4 assistenza tecnica e monitoraggio partecipativo sull'attuazione piano strategico

Attività - ER2

2.1 formazione dei formatori e laboratori scolastici sulla gestione dei rifiuti e della tutela ambientale

2.2 campagna di sensibilizzazione pubblica sulle pratiche dello stoccaggio dei rifiuti e salvaguardia ambientale

2.3 Realizzazione di un incentivo al cittadino e sistema di responsabilità per lo stoccaggio dei rifiuti

2.4 Realizzazione di iniziative pilota di separazione e / o riciclaggio

Attività - ER3

3.1 Costruzione di una nuova stazione di trasferimento di stoccaggio rifiuti

3.2 Terzo finanziamento ai rappresentanti della comunità per la riabilitazione delle aree non utilizzate e degradate nel Campo profughi di Shufat

3.3 Sviluppo di aree verdi produttive e di svago

Finanziatore
Comunità Europea

Data Inizio - Data fine

04/01/2016 (April 2016)
La realizzazione del progetto prevede una durata di 36 mesi, con 3 mesi di fase di ideazione e 5 mesi di strategia di uscita

Il Campo Profughi di Shufat

Approfondimenti

Ultime novità

Palestina Clean Up
La ricerca si inquadra nell’ambito del progetto "Miglioramento dell’ambiente e delle condizioni igieniche della comunità del campo rifugiati di Shua’fat" ENI/2015/359-899. Il progetto, di Overseas in consorzio con la ONG CESVI (Capo fila), è cofinanziato dall’ Unione Europea. Posizione: Espatriato senior - Awareness Coordinator Sede di Lavoro: Territori Occupati Palestinesi, Cisgiordania. Uffici di progetto: East Jerusalem.
Shufatcleanup
La prima campagna di pulizia del campo di Shufat e' realizzata il giorno 24 maggio e ha visto la partecipazione dello staff di progetto (Environmental Educators, Overseas e Cesvi), volontari del Women Centre e la partecipazione di oltre una cinquantina di ragazzi della Boys School di UNRWA. Grazie a un coordinamento con gli insegnanti e con il preside della Boys School dio UNRWAi ragazzi della scuola UNRWA sono potuti uscire nelle strade del campo imbracciando cestini, guanti e scope per pulire alcuni settori del campo.
nelcampoprofughi
Open Call - "Nelle strade di Shu'fat" Tre storie per raccontare la vita nel campo profughi di Shu'fat, che formalmente fa parte di Gerusalemme ma che si trova proprio al di là del muro che separa Israele e Palestina. Tra checkpoint militari e mancanza di servizi, il lavoro di ong come Overseas ed Educaid prova a migliorare le condizioni di vita degli abitanti
DelegazioneEuropea
Il giorno 21 febbraio una delegazione del Parlamento Europeo – composta da oltre una ventina di persone e lideratata da Chair Neoklis Sylikiotis (GUE / NGL, Cipro) e altri 4 membri: Margrete Auken (vicepresidente della delegazione, Verdi, Danimarca), Brando Benifei (S & D, Italia), Ivo Vajgl (ALDE, Slovenia) e Angela Vallina (GUE / NGL, Spagna ha fatto visita al campo di Shufat – East Jerusalem.